La foresta del Bramito del Cervo con Giancarlo Ferron
28/29 settembre 2019


Bramito del cervo nel silenzio
della Foresta del Cansiglio

in compagnia di Giancarlo Ferron

28/29 settembre 2019


Il bramito del cervo è uno dei fenomeni naturali più entusiasmanti a cui è possibile assistere sulle Alpi. Vivremo questa esperienza nella Foresta del Cansiglio, tra la pianura veneta e le Dolomiti, per secoli luogo di produzione dei remi della Repubblica di Venezia, ora Riserva Naturale di eccezionale valore naturalistico e paesaggistico. 

La foresta del Cansiglio è un paradiso incontaminato adagiato in una conca naturale che domina la pianura veneto-friulana, circondata da rilievi ammantati da splendidi faggi ed abeti. Un luogo per certi versi aspro, la cui natura carsica si manifesta nella presenza di doline, inghiottitoi e voragini di grande suggestione. Il Cansiglio è un luogo abitato fin da tempi antichissimi, che riserva sorprese anche a chi ama la storia e le tradizioni.



Programma

28 settembre 2019

Ore 16,30 ritrovo, con mezzi propri, in via dei Cimbri, 6 – 31010 Pian del Cansiglio – Alpago BL
Sistemazione nelle camerate del rifugio. 

Prima di avventurarsi per l’escursione serale, Giancarlo illustrerà con diapositive le caratteristiche principali del cervo, per poterne comprendere i comportamenti. Sarà un’occasione davvero unica per poter conoscere meglio questo affascinante animale e il suo habitat, dialogare con un vero esperto di fauna selvatica e ambiente naturale che potrà dare risposte alle vostre curiosità.

Dopo cena si andrà all’aperto con qualsiasi tempo per ascoltare il bramito. Al rientro in rifugio, chi vuole va a nanna altrimenti si guarda la stufa accesa e si “ciacola”.

29 settembre 2019

La mattina presto è ideale per ascoltare il bramito e quindi, dopo una buona colazione, si partirà per una passeggiata nella piana del Cansiglio che a seconda del tempo, sarà più o meno lunga. Previsto pranzo al sacco.

Nel pomeriggio partenza per il rientro.


IL RIFUGIO È MOLTO RICHIESTO NEL PERIODO DEL BRAMITO E CI CHIEDE UNA CONFERMA A BREVISSIMO. 


Contributo partecipazione: 120,00 €

Comprende:

  • Pernotto e colazione
  • cena
  • 1 pranzo al sacco
  • Conferenza con Giancarlo Ferron

Al momento dell’adesione è previsto il versamento dell’intera quota.
(+20 € per i non tesserati 2019)

Scrivere a : info@metaitalia360.it


ISCRIVETEVI QUI

Con la compilazione di questo modulo si dichiara a Metaitalia360 l'interesse a partecipare ad un tour ma NON costituisce una prenotazione vera e propria, la prenotazione è ritenuta valida al versamento del contributo di partecipazione

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Per mettere in contatto chi CERCA oppure OFFRE un posto auto
per condividere le spese carburante

Il tuo messaggio

(per inviare clicca qui) Acconsento al trattamento dei dati personali secondo le condizioni espresse nella pagina d’informativa sulla privacy*


Ricordiamo inoltre le penali in caso di annullamento da parte del partecipante:

– fino a 25 giorni prima della partenza 30%

– da 24 a 11 giorni prima della partenza 50%

– da 10 giorni prima della partenza 100%

In caso di annullamento da parte dell’organizzazione sarete informati quanto prima e verrà restituita per intero la quota già versata.

SOSTITUZIONI:

Il partecipante può farsi sostituire da altra persona sempre che l’organizzatore ne sia informato.


Giancarlo Ferron – Scrittore

Nato in un paese di collina, con una forte tradizione venatoria, da bambino seguiva i cacciatori e cercava di imitarli usando la fionda. Si è subito accorto di non essere veramente interessato alla caccia. Ha cominciato a tenere in voliera varie specie di uccelli che trovava feriti, vecchi richiami scartati dai cacciatori, esemplari catturati in proprio o acquistati presso gli impianti di cattura dell’epoca, per osservarli e studiarli da vicino. All’età di quattordici anni ha spalancato la porta della voliera: oggi osserva gli animali nel loro ambiente e, possibilmente, li fotografa.

Nel 1997, scrive il testo, collabora al progetto e al montaggio del video documentario  naturalistico  “Il gallo cedrone”. (pubblicato dalla Amministrazione Provinciale di Vicenza). Dopo anni di servizio nella Polizia Provinciale si rende conto che il suo mestiere è sconosciuto al grande pubblico, che il bracconaggio e le gratuite crudeltà contro gli animali selvatici sono considerate “favole da Medioevo”. Pensa così di scrivere una serie di racconti denuncia.
IL SUO ULTIMO ROMANZO Lo sguardo del lupo, racconta di una montagna abitata dai lupi, di una ragazza e di un uomo che riscoprono assieme la natura selvaggia. giancarloferron


« |