Project Description

Alta Via del Tabacco

Trekking tra antichi sentieri e terrazzamenti 

Volete conoscere un’affascinante storia di coltura eroica durata per quasi 4 secoli?

Entrare nell’anima di un territorio che oltre a raccontarci passo dopo passo la sua incredibile storia ci regalerà scorci paesaggistici e naturalistici davvero unici?

Tutto questo e molto altro in tre giorni fantastici lungo il Canale del Brenta.

Partendo dal magico Ponte Vecchio nella splendida cittadina di Bassano del Grappa, percorreremo le prime 2 tappe dell’Alta Via del Tabacco nella destra idrografica del fiume immersi nella natura di un territorio ricco di testimonianze della vita di un tempo, scandita dal lavoro, dal sole e dal fiume.

Faremo un tuffo nella storia passata di questi luoghi; cammineremo sugli antichi terrazzamenti sostenuti dalle “masiere”, alti e antichi muretti a secco sui quali a partire dalla prima metà del XVII secolo, si iniziò a coltivare una pianta esotica, il tabacco, fino a divenire unica fonte di sostentamento per la gente del posto.

Ci sposteremo lungo sentieri che collegavano a mezza costa tutti gli insediamenti ed i terrazzamenti permettendo agli abitanti di allora un po’ di vita sociale, visite di cortesia, scambi di vario genere, aiuto in caso di bisogno e mantenere così il senso di comunità.

Per quasi 4 secoli si continuò a coltivare il tabacco tra concessioni e divieti, restrizioni e pesanti norme fiscali, abbassamento del prezzo e sempre più svantaggiose regole per la consegna che misero a dura prova la resistenza dei valligiani. Fu così che crebbe la propensione al contrabbando nonostante fossero previste pesanti e severe sanzioni.

A partire dagli anni settanta, i coltivatori della valle, stanchi di tante fatiche e di tanti soprusi, cominciarono ad abbandonare definitivamente una coltura plurisecolare e nell’arco di un solo decennio andò scomparendo del tutto.

Lungo il percorso potremo riconoscere i pozzi ed i sistemi per recuperare e raccogliere l’acqua piovana, le ghiacciaie, i nascondigli del tabacco, le mulattiere selciate, i prati magri, i castagneti, i boschi da legna, le risine di avvallamento dei tronchi senza comunque tralasciare i molteplici e interessanti aspetti naturalistici della vallata.

320€

Date
15-17 Ottobre 2022


Durata
3 giorni

Gruppo min 6 / max 10

Iscrizione obbligatoria entro
15 Settembre

ISCRIVITI

Programma

Bassano – Campolongo

Ritrovo  ore 10:00 al Ponte Vecchio (Ponte degli Alpini) Bassano 

Briefing iniziale e partenza ore 10:30 alla volta di Campolongo, dal Ponte Vecchio (Ponte degli Alpini) edificio simbolo della città la cui costruzione è stata seguita dal noto architetto Andrea Palladio riproducendo fedelmente la struttura precedente ma introducendo innovative soluzioni tecniche strutturali.

Percorreremo inizialmente un piacevolissimo e facile sentiero che fiancheggia il Brenta fino all’altezza di Sarson poco dopo Sant’Eusebio per proseguire verso il suggestivo Eremo di San Bovo e raggiungere attraverso i boschi il centro abitato di Caluga, una specie di valico tra Valbrenta e Valrovina. Da qui, prima su stradina ripida asfaltata, poi per un lungo tratto su strada forestale in leggera salita e alla fine su sentiero di traversata e salita, valicheremo alcune dorsali e scenderemo seguendo il tracciato, a tratti ripido, che ci porterà a Campolongo.

In breve raggiungeremo l’accogliente struttura che ci ospiterà per la cena e per il meritato riposo. 

Lunghezza  13,5 km

Dislivello 650 m

Durata 5,30 h soste escluse

Livello Difficoltà: Medio (discreto impegno fisico, richiesta buona preparazione)

Acqua sul percorso NO

Campolongo – Valstagna

Colazione e di primo mattino partenza per raggiungere Valstagna.

Dalla struttura raggiungeremo la frazione di Tovi e saliremo di quota per intercettare nuovamente il percorso di traversata che proprio in questa zona, fino ad intersecare il sentiero che porta ad Oliero, è particolarmente selvaggio: uno stretto sentierino nella fitta boscaglia con pochi scorci panoramici sulla valle e sul bordo di ripide scarpate boscose/erbose.

Continui saliscendi a mezza costa e un po’ più alti, boschi, suggestive rovine di piccoli centri abitati o di case isolate, storiche mulattiere, improvvise aperture panoramiche sulla vallata e “masiere” ovunque, sono le peculiarità di questo percorso che finirà con il percorrere verso valle, il tratto iniziale, prima della salita dei 4444 gradini, del famoso sentiero della Calà del Sasso, il fondovalle Frenzela e finalmente raggiungere la nostra meta: Valstagna.

Ci sistemeremo in un B&B con bellissimo affaccio sul paese sottostante dove scenderemo poi per cena, in un locale tipico con terrazza sul fiume.

Lunghezza  15 km

Dislivello 950 m

Durata 6 h soste escluse

Livello Difficoltà: Medio/difficile (Discreto impegno fisico, richiesta buona preparazione)

Valstagna – Costa – Bassano

Colazione e di primo mattino partenza per la terza e ultima tappa. Partiremo direttamente dalla struttura e quindi leggermente avvantaggiati per riprendere quota e arrivare in breve tempo ad intersecare nuovamente il sentiero AVT alla volta del centro abitato di Costa.

Anche in questa tappa la varietà del percorso è davvero fantasiosa: da sentieri ampi e curati, ma esposti, anche se ben protetti, si passa velocemente ad attraversare boschi, valloni e forre con impressionanti pareti rocciose verticali, si raggiungono affacci panoramici che abbracciano la Valbrenta, si attraversano contrade abbandonate, si percorrono tratti impegnativi con cenge esposte e vecchie “masiere”.

Arrivati a Costa raggiungeremo la stazione ferroviaria di San Marino per prendere il treno che ci riporterà a Bassano.

Lunghezza  8 km

Dislivello 600 m

Durata 4,30 h soste escluse

Livello Difficoltà: Medio (discreto impegno fisico, richiesta buona preparazione)

Comprende

  • Organizzazione con guida a disposizione per 3 giornate
  • 3 Escursioni guidate con GAE (Guida Escursionistica Ambientale)
  • 1 Cena, pernotto e colazione in albergo
  • 1 Pernotto e colazione in B&B

Non comprende

  • Viaggio andata/ritorno al punto di ritrovo
  • Pranzi al sacco
  • Cena in ristorante/pizzeria
  • Biglietto treno/bus per il rientro
  • Tutto ciò non menzionato alla voce comprende
  • Zaino per 3 gg che comunque non superi gli 8 kg compreso lo zaino
  • Coprizaino
  • Scarponcini da escursionismo con buone suole e già collaudate
  • bastoncini (consigliati)
  • giacca antivento
  • poncho (mantellina per la pioggia)
  • cappellino da sole
  • crema solare
  • pantaloni lunghi comodi
  • pile
  • berretto
  • guanti
  • cambio completo (sempre consigliato di averne uno anche in auto)
  • Prodotti per igiene personale ridotti al minimo
  • cerotti, cerotti antivesciche, antidolorifici, antipiretici (secondo proprie abitudini)
  • scorta acqua 1,5 l
  • pranzo al sacco
  • Frutta secca, barrette energetiche, ecc…
  • Sacchettini per i rifiuti
  • Linee guida anti Covid-19: mascherina chirurgica da utilizzare quando la distanza da altre persone è inferiore ai due metri e gel disinfettante per le mani.

Ponte Vecchio o Ponte degli Alpini a Bassano del Grappa, dalla parte del centro storico (Google Map)

Per ulteriori informazioni scrivere a: info@metaitalia360.it

Oppure chiamare: Alessandra 3351315225 / Fabio 3295935471

Posti limitati Iscrizione obbligatoria – entro 3 Giugno

LINK PRENOTAZIONE

Fabio Zoratti 

Guida Ambientale Escursionistica
Abilitata ai sensi della legge n. 4 2013
Associato AIGAE tessera n. VE521
Assicurata RC a norma di legge.


Contatti:
Fabio 329 5935471 – Alessandra 3351315225

Richiedi informazioni

Grazie. Il tuo meassaggio è stato inviato.
Errore! Per favore riprova.